Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Ricerca e territorio Premio "l'Umanesimo che innova"

Premio "l'Umanesimo che innova"

NUOVO BANDO A.A.2016/2017

L’Università degli studi di Macerata, particolarmente sensibile all’integrazione degli studi umanistici e scientifici nell’era del 2.0, intende:

  • stimolare negli studenti degli Istituti Secondari Superiori, tecnici e linguistici, una propensione al pensiero interdisciplinare, creativo e innovativo;
  • sensibilizzare il mondo scolastico all’importanza degli studi umanistici e alla necessità di recuperare la cultura e il pensiero filosofico che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese e i suoi grandi autori, e di integrarla attivamente nell’era contemporanea tecnologica, materialista e principalmente incentrata sulla concretezza;
  • diffondere negli studenti la necessità di riscoprire e attualizzare la cultura classica e le discipline che dovrebbero caratterizzare i leader del domani, in grado di essere autocritici e lungimiranti e di comprendere i fenomeni innovativi che caratterizzano l’attuale knowledge society in un’ottica di Learning by doing;
  • stimolare la creatività degli studenti alla realizzazione di uno strumento educativo attrattivo per la generazione dei giovanissimi (dai 6 anni in su) che al momento dell’ingresso a scuola trovano una modalità di apprendimento molto diversa dal mondo digitale in cui sono immersi.

Pertanto, promosso dal Progetto sul distretto culturale evoluto "PlayMarche: un distretto regionale dei beni culturali 2.0" finanziato dalla Regione Marche
in collaborazione con il Laboratorio Umanistico per la Creatività e l’Innovazione LUCI dell’Università di Macerata,

l'Ateneo bandisce il PREMIO “L’UMANESIMO CHE INNOVA” - III EDIZIONE 2016/2017

Il Premio “l’Umanesimo che innova” ha la finalità di stimolare negli studenti una propensione al pensiero interdisciplinare, creativo e innovativo, riscoprendo i valori degli studi umanistici ed integrandoli attivamente nell’era contemporanea digitale e tecnologica.

Il Premio è rivolto agli studenti che nell’anno scolastico 2016-2017 frequentano gli Istituti di scuola secondaria superiore, gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) e i corsi di istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS) che abbiano:

  • sede nella Regione Marche
  • oppure con sede in altra regione italiana purché l’Istituto abbia svolto attività in collaborazione con l’Università di Macerata ovvero sottoscritto con essa una specifica convenzione.

Il concorso chiede agli studenti di realizzare uno strumento educativo attrattivo – App mobile, gioco interattivo, o altre piattaforme – dedicato alla generazione dei giovanissimi (over 6). A questi utenti, al momento dell’ingresso a scuola, si intende offrire una modalità di apprendimento molto diversa dal mondo digitale in cui sono immersi, e che li aiuti nello studio e nell’apprendimento delle materie umanistiche.

I progetti presentati dovranno riguardare lo sviluppo di applicazioni mobile, giochi virtuali o altri strumenti di apprendimento digitale incentrati sulla seguente tematica:

“Un personaggio marchigiano che ha segnato la storia”.

I candidati dovranno proporre applicazioni mobile, giochi virtuali o altri strumenti di apprendimento digitali riguardanti la presentazione e la promozione di un personaggio storico marchigiano, allo scopo di farlo conoscere e valorizzarlo in chiave culturale e commerciale, mostrando il rapporto tra “locale” e “globale”.

I progetti dovranno essere assolutamente inediti ed originali, pena l’esclusione dal Premio.

Non sono ammessi progetti relativi a prodotti/servizi o design che al momento dell’iscrizione al Premio “l’Umanesimo che Innova” risultino già in produzione o vincitori di altri premi o concorsi.

I partecipanti devono essere organizzati in gruppi, formati da almeno 3 studenti, facenti parte di una o più classi dello stesso istituto; i gruppi devono essere coordinati da un docente tutor di riferimento e rappresenteranno l’istituto di appartenenza ai fini del premio finale. Possono partecipare più gruppi di uno stesso istituto purché coordinati da docenti tutor differenti. Il ruolo del docente di riferimento sarà quello di svolgere attività di assistenza e coordinamento. Lo stesso docente non potrà essere coordinatore di più gruppi.

Bando e regolamento del premio a.a. 2016/2017

Piattaforma web per caricare i progetti

Scadenza: 12 aprile 2017

Per informazioni:
ricerca.ilo@unimc.it
0733 2582480 - 2657